Gaetano Thorel, numero uno di PSA in Italia

Gaetano Thorel (PSA): «I diesel Euro 6 sono ecologici e non devono in nessun modo essere penalizzati»

  • condividi l'articolo
  • 33
ECONOMIA

«Credo sia il momento di fare chiarezza. La lotta all’inquinamento nelle nostre città deve essere affrontata in maniera seria e organica e non con provvedimenti locali estemporanei che, oltre a risultare inefficaci, creano parecchia confusione nei cittadini, nei clienti e anche nelle nostre aziende sul territorio con evidenti rischi sulla forza lavoro». Così il direttore generale di PSA Italia Gaetano Thorel commentando i recenti provvedimenti di stop alla circolazione dei veicoli Diesel Euro 6. «Chiarezza - ha sottolineato Thorel - vuol dire affermare con forza che i veicoli Diesel di ultima generazione, quelli attualmente in vendita, hanno emissioni di particolato e di ossidi di azoto uguali ai veicoli benzina e prossimi allo zero e non devono essere penalizzati in alcun modo.

Al contrario di molte vecchie auto a benzina, come le Euro 3 - spesso erroneamente confuse come ecologiche - che non abbattono in maniera significativa le emissioni degli inquinanti. Ô illogico, inoltre, adottare localmente normative in contrasto con quelle europee ed internazionali, frutto di studi ed analisi scientifiche accurate che certificano la piena idoneità a circolare ai veicoli Diesel Euro 6 di ultima generazione. In maniera altrettanto chiara, dobbiamo spiegare ai cittadini come gli unici veicoli in grado di garantire una mobilità a zero emissioni sono i 100% elettrici o gli ibridi plug-in ricaricabili, ovvero ‘con la spinà. Non, invece - conclude il numero uno di Groupe PSA Italia - soluzioni come gli ibridi non ricaricabili o Mild hybrid».

Thorel ha poi precisato che «solo grazie alla presenza della spina (plug-in) per la ricarica della batteria di trazione, il veicolo è in grado di percorrere decine di chilometri in modalità elettrica e abbattere in maniera drastica le emissioni inquinanti. Un distinguo che lo stesso Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha voluto mettere in evidenza, con una circolare dello scorso 3 dicembre 2019. In sostanza, sono stati introdotti tre Gruppi che indicano il livello di emissioni CO2 dei veicoli ibridi: Gruppo 1 inferiori o uguali a 60 g/km (veicoli ibridi plug-in), Gruppo 2 tra 61 e 95 g/km (veicoli ibridi standard), Gruppo 3 superiori o uguali 95 g/km (veicoli ibridi noti commercialmente come ‘micro hybrid’ e ‘mild hybrid’)». «Invito tutti gli attori - ha concluso Thorel - ad un maggior sforzo di approfondimento e confronto per garantire la chiarezza e la trasparenza ai consumatori».

  • condividi l'articolo
  • 33
Giovedì 23 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento: 24-01-2020 16:20 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti