Solero: «Partnership BMW-Mercedes fondamentale per mobilità del futuro. Le ibride plug-in
in grande espansione»

Solero: «Partnership BMW-Mercedes fondamentale per mobilità del futuro. Le ibride plug-in
in grande espansione»

di Giampiero Bottino
  • condividi l'articolo

GINEVRA - L'elettrificazione, regina dello stand Bmw al Salone di Ginevra, non offre solo la prospettiva di un futuro pulito della mobilità, ma incide già sugli equilibri del settore in modi fino a ieri impensabili. Come l'alleanza tra il gruppo di Monaco e gli eterni rivali di Stoccarda. Un inedito asse Bmw-Mercedes che, se da un lato valuta l'opportunità di collaborare su piattaforme elettriche comuni e guida autonoma (piano che potrebbe far risparmiare 7 miliardi di euro in altrettanti anni), dall'altro sta già riempiendo di contenuti concreti l'accordo raggiunto su un'altra declinazione della mobilità che guarda al futuro: quella condivisa. Già oggi, ricorda Sergio Solero, presidente e amministratore delegato di Bmw Group Italia incontrato a Ginevra, «con l'app di Drive Now si possono individuare a prenotare le smart di Car2go e viceversa».
 

L'accordo riguarda solo il car sharing?

«No. La joint venture paritetica in cui noi a Daimler abbiamo investito un miliardo di euro si articola in 5 società verticali destinate a operare in tutti i settori della mobilità condivisa mettendo a frutto la solida esperienza costruita su una base di oltre 60 milioni di clienti».

Quali sono queste società?

«Oltre a Share Now nella quale confluiranno a breve le attività di Drive Now e di Car2go, dilatando la presenza a 30 città europee, Reach Now gestirà i servizi multimodali, mentre Free Now – nella quale è inserito il «sistema» MyTaxi - deve occuparsi dei servizi di taxi e noleggio con conducente. Poi c'è Charge Now, già operativa, la cui app mette assieme tutti i punti di ricarica (oggi ne copre circa il 90%), alla quale può iscriversi anche chi possiede un'auto di altre marche. In Italia ha per ora prospettive limitate, ma è già molto interessante per chi si muove in Europa. Infine c'è Park Now: in Italia non l'abbiamo ancora, ma ci stiamo lavorando».

Qual è la sua mission?

«Già oggi è il più grande sistema al mondo di gestione digitalizzata del parcheggio. Ma la sua efficacia è legata alla presenza – ancora limitata nel nostro Paese – di strutture evolute, capaci di comunicare in tempo reale all'app quanti e quali sono i posti disponibili. Le potenzialità sono enormi, se pensiamo che le statistiche attribuiscono circa il 30% del traffico urbano alla ricerca di un parcheggio e che dialogando con le municipalità il sistema potrà essere esteso anche ai posti auto scoperti. Le strisce blu, per intenderci».

Cambiando tema, come vedete l'attuale situazione politico-economica italiana?

«Non esprimiamo giudizi in materia. Posso solo dire che condividiamo le posizione, forse per la pima volta unanimi, di tutte le associazioni di categoria, dall'Unrae che rappresenta i costruttori esteri all'Anfia in nome dell'industria italiana, ai concessionari. I problemi non si risolvono con le ecotasse – poco «eco» perché colpiscono la CO2, quindi non un inquinante ma un clima alterante – ma favorendo lo svecchiamento del un parco circolante».

Come rispondono i clienti al vostro impegno sull'ibrido plug-in?

«Seppure ancora su numeri limitati, e iniziando dall'alto di gamma (che peraltro sta scendendo, come dimostra la domanda in crescita di Mini Countryman plug-in), l'anno scorso le vendite di modelli elettrificati ci hanno sorpreso, mettendoci in difficoltà perché avevamo previsto risultati inferiori. I consumatori guardano con favore a una tecnologia di transizione, ma capace di combinare lunghe percorrenze ed emissioni ridotte. E l'autonomia elettrica aumenta costantemente: in sei anni la densità delle nostre batterie, a parità di ingombro e peso, è passata da 60 a 94 Ampere/ora, per arrivare ai 120 dei sistemi di quarta generazione svelati a Ginevra».
 

 

 

  • condividi l'articolo
Mercoledì 20 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento: 23-04-2019 16:15 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti